I racconti dalla Locanda alla Fine dei Mondi

Premonizioni

Le sue braccia avvolgevano con forza il fragile fagotto.
Sentiva il suo calore ed il singolare odore che solo un neonato emana.
Non poteva fermarsi... sapeva di non poterlo fare, ma la frustrazione per l’impotenza di quegli attimi era talmente insopportabile che dentro di se cercava sempre un appiglio per ribellarsi…inutile, come sempre.
Il neonato non si ribellava neanche: non era possibile capire se tra il calore del seno materno le sue sottili labbra emanavano qualche gemito.
E si spense…e lei seppe che si spense e si sentì per la prima volta libera dalla sua atavica prigione, ma schiava di nuove pareti interiori.
Sapeva che questa nuova schiavitù non le sarebbe stata tollerabile e, con una calma che la lasciò disorientata, poggiò il corpo esanime del bambino nella culla, lasciò scivolare la vestaglia sul pavimento, indossò i primi abiti che le capitarono sotto mano, raccolse le chiavi della macchina ed uscì di casa.
Dopo solo pochi minuti di strada, lasciò l’automobile in una via poco trafficata del paese dove viveva.
Camminando verso il ponte ogni suo passò risuonò nitido nel suo vuoto interiore, come un eco proveniente da una caverna nei sotterranei abissi del suo essere.
Si poggiò sul muretto del ponte e guardò verso il basso: il verde e la terra erano squarciati dalle rotaie di una vecchia ferrovia.
Un altro tentativo disperato di ribellione fu inutile e l’esile corpo della donna si lanciò verso l’eterno sonno.
…………………………………………………
Il sudore grondava dalla sua fronte. Era gelida e un urlo riecheggiava nella sua testa.
Sconvolta si alzò dal letto e si recò in bagno gettando d’impulso la sua testa sotto l’acqua del rubinetto.
Era inverno e faceva freddo, ma l’acqua gelida che scorreva sui suoi capelli appariva tiepida sotto il gelo dei suoi pensieri.
“Un altro di quei sogni” pensò e pianse, pianse in silenzio perché sapeva che i suoi sogni erano maledetti e non si limitavano a restare tali.
Aveva perso il conto di quante volte sogni come quello, a distanza di giorni, diventavano cruda realtà…aveva soffocato ogni istinto di ribellione dopo che aveva scoperto che raccontare della sua maledizione allontanava da lei le persone che amava, perché incredule o troppo spaventate per accettarla.
Cercò di scacciare via le brutte sensazioni rimastele addosso, ma era impossibile: due vite da lì a poco si sarebbero spente e lei lo sapeva ed ogni volta la domanda che si poneva era la stessa: “posso fare qualcosa per impedirlo?”.
Compì i suoi riti mattutini fingendo che tutto fosse normale e si soffermò davanti l’uscio di casa.
Come ogni volta, si sentì di fronte ad un bivio: poteva scegliere se recarsi al lavoro ed attendere di apprendere dal telegiornale che i fatti si erano manifestati esattamente come Sogno le aveva mostrato o cercare di trovare un modo per interferire con un Destino da un libro apparentemente già scritto.
Osservò la porta, smise di tremare, fermamente abbassò la maniglia e perseguì la strada che aveva scelto.

I commenti degli utenti di neilgaimania

Straczynski25-12-2007 alle 00:25

Si dice che l'essenza di un artista è racchiusa tra le sfumature della sua opera, nella scelta di un avverbio al posto di una parola, di una emozione al posto di un'altra...
Con questo bellissimo racconto, Irek è stata FENOMENALE!!!
Per tutto il racconto siamo schiacciati da un senso di impotenza [che tante volte ci capita di vivere nella realtà di fronte a certi eventi che il destino sembra aver già deciso!], ma alla fine viene fuori, in tutta la sua determinazione, la forza d'animo della protagonista che ci travolge e ci coinvolge così tanto, che ci vien voglia di incoraggiarla, aiutarla, proteggerla...
Complimenti sinceri Irek!
Aspetterò impaziente il tuo prossimo racconto!

Vice Arpia26-12-2007 alle 09:42

Veramente bello!
La sensazione che avevo mentre leggevo era quella di vivere in prima persona lo stato d'animo della protagonista.
Alla fine ho pensato: "Non arrendenti il Destino può essere cambiato..."

I dati del racconto

  • Racconto

    del 22-12-2007

  • Autore del racconto

    Irek

  • Il racconto è stato commentato

    2 volte

  • Il racconto è stato letto

    22422 volte

  • Punteggio medio ottenuto

    4.0

  • Segnala su

    Segnala su delicious Segnala su digg Segnala su furl

Inserisci un commento

  • Messaggio

Vota

  • Capolavoro
  • Da non perdere
  • Buono
  • Così così
  • Non mi è piaciuto

I racconti più letti su neilgaimania