Le recensioni dei libri di Neil Gaiman su neilgaimania

I ragazzi di Anansi

I ragazzi di AnansiSe leggete I ragazzi di Anansi sperando di ritrovare la cultura mitologica e la simbologia disseminati all’interno delle cupe ambientazioni di American Gods, avete sbagliato romanzo.
Il nuovo romanzo di Gaiman nasce, infatti, dal tentativo dell’autore inglese di scrivere qualcosa che avesse pochi punti di contatto con le opere precedenti (vedi intervista su neilgaimania) e soprattutto con il romanzo sulle divinità americane vincitore dell’Hugo nel 2002. Dopo il grande successo ottenuto con American Gods, Gaiman ha preferito intrapredere una strada nuova, in cui sperimentare la sua capacità di narrare storie in una veste altra senza l’obbligo di scrivere sempre le stesse opere “alla Gaiman”. Del resto negli anni l’autore inglese ha dimostrato ampiamente la sua ecletticità e il desiderio di sperimentare nuovi generi e nuovi media a servizio delle storie.

I ragazzi di Anansi è proprio un omaggio all’importanza che le storie ricoprono per l’umanità dalla notte dei tempi. In quell’epoca il Dio africano Anansi, già personaggio di American Gods, rubò le storie a Tigre e da allora gli uomini gustarono la delizia della narrazione alterando sempre più la loro selvaggia natura animale. Nonostante questa premessa faccia pensare il contrario, Anansi è l’unico punto di contatto con American Gods. I ragazzi di Anansi ha infatti come protagonista il figlio del dio africano Anansi, Ciccio Charlie: un uomo nevrotico, insicuro, frustrato, impacciato. Ciccio Charlie si troverà coinvolto suo malgrado in una storia in cui dovrà affrontare la sua dinastia divina, rappresentata dall’incontenibile fratello Ragno, e una serie di personaggi ausiliari molto ben caratterizzati.

I ragazzi di Anansi è una commedia dark. La prima parte del libro è, infatti, molto divertente e Ciccio Charlie è un perfetto personaggio comico. La seconda parte della narrazione ritorna, invece, ad atmosfere più consone allo stile di Gaiman. In questa parte del libro ogni personaggio è coinvolto in eventi che la cui evoluzione potrà essere compresa solamente alla fine quando il lettore assume una visione di insieme della storia. La narrazione è infatti molto ben costruita ed in linea con quanto affermato dall’autore nella prima parte del libro: “Le storie sono come ragni, con lunghe zampe, e sono come le ragnatele in cui l’uomo finisce aggrovigliato, ma che se le guardi sotto una foglia, nella rugiada del mattino, sembrano tanto belle con quel modo di collegarsi una all’altra strette strette”.
Tuttavia, nonostante la tela tessuta da Gaiman sia ben articolata, alcuni personaggi molto ben caratterizzati e lo stile molto pulito e capace di invogliare alla lettura, I ragazzi di Anansi è privo dello spessore culturale a cui ci ha abituati lo scrittore inglese. La storia, seppur complicata nel suo dispegarsi, è piuttosto prevedibile e alcune scelte narrative ci sono apparse persino banali e stereotipate.

In definitiva, un buon romanzo (tra l’altro fresco vincitore del Locus Award 2006 nella categoria miglior romanzo fantasy) per una lettura spensierata ma decisamente qualche passo indietro rispetto alla grandiosità di American Gods. La nota più positiva ci è sembrata la vena comica che attraversa la narrazione soprattutto nelle situazioni kafkiane che si trova ad affrontare il povero Ciccio Charlie nella prima parte del libro. L’aspetto più debole è senz’altro la vena commerciale che sembra abbia preso uno scrittore che ha dimostrato ampiamente nel passato di essere capace di realizzare opere di ben altro livello.

Da leggere ma senza attendersi un capolavoro assoluto. Attendiamo commenti!

I commenti degli utenti di neilgaimania

Marquis De Carabas05-07-2006 alle 19:09

L’ho letto perché era Gaiman, ed andava letto.
Tecnicamente, non è la continuazione di American Gods, ma un suo spin-off, ovvero una storia che riprende uno dei personaggi minori dal libro precedente.
Premetto che non capisco la decisione da parte dell’editore di tradurre il titolo del libro. Anansi Boys sarebbe stato un titolo perfetto anche per l’edizione italiana.
È un passo indietro rispetto al suo predecessore. Nel caso di American Gods si nota lo sforzo dell’autore di ricercare qualcosa di diverso dai suoi precedenti lavori (escludendo la sua produzione fumettistica), dando molto più spazio agli elementi mitologici e mettendo un po’ da parte quelli favolistici.
Questo, a mio parere, è più simile nella struttura, e nei personaggi, a Nessun Dove.
Ciccio Charlie ricorda molto Richard, anche nella sua “evoluzione”, ma se risulta più antipatico e meno riuscito.
Ragno(anche qui, perché tradotto?) insopportabile.
Il tema del “doppio”(Charlie-Ragno), che dovrebbe essere il fulcro di tutto il libro, a mio parere, non è stato sviluppato a sufficienza.
L’unico personaggio di livello è Anansi che, pur non essendo il protagonista, fa sentire, in un modo o nell’altro, la sua silenziosa presenza durante tutta la storia.
Il cattivo, tigre-Grahame Coats, prende punti, e tanti, dai “villain” gaimaniani precedenti.
Gaiman ha definito Anansi Boys "magical-horror-thriller-ghost-romantic-comedy-family-epic". Ed effettivamente il libro presenta ognuno di questi aspetti.
Non sempre, però, l’idea di mescolare assieme più generi è una scelta che dà risultati positivi, soprattutto se la storia su cui si basa non è all’altezza.
La trama, difatti, scontata a tratti, presenta alti e bassi nell’evoluzione della storia ed ha i suoi migliori momenti nelle scene in cui Gaiman fa uso del suo folle, eccentrico, surreale humor inglese.
Preferisco di gran lunga il Gaiman delle fiabe dark (Coraline, Stardust)(per chi la pensa come me, consiglio la lettura, o la visione per chi è pratico con l’inglese, di Mirrormask). Anche se devo dire che il suo capolavoro assoluto per me rimane Nessun Dove, che racchiude in sé la capacità di incantare del miglior Gaiman cantafiabe e l’anima epica del Gaiman più adulto e ambizioso di American Gods.
Concludendo, leggete Anansi Boys se amate Gaiman e volete conoscere tutto quello che esce dalla sua penna. Altrimenti, orientatevi verso altre sue opere.
Forse, stavolta, avrebbe dovuto metterci un po’ più di impegno.

I dati del libro

  • Libro

    del 2006

  • Autore del libro

    Neil Gaiman

  • Edizione

    Mondadori

  • Il libro è stato commentato

    1 volte

  • La recensione è stata letta

    29298 volte

  • Punteggio medio ottenuto

    4.0

  • Segnala su

    Segnala su delicious Segnala su digg Segnala su furl

Inserisci un commento

  • Messaggio

Vota

  • Capolavoro
  • Da non perdere
  • Buono
  • Così così
  • Non mi è piaciuto

Le recensioni più lette su neilgaimania