Le recensioni dei fumetti di Neil Gaiman su neilgaimania

Batman Arkham - L'enigmista

Batman Arkham - L'enigmistaGli appassionati della letteratura Gaimaniana dovrebbero incensare la Planeta DeAgostini. Questo perché, tra l’enorme mole di materiale pubblicato e ristampato, ci sta permettendo di scoprire alcune chicche rimaste inedite o da tempo non disponibili nel mercato italiano.
È proprio con questo volume dedicato al più enigmatico dei nemici di Batman che possiamo leggere, finalmente, una storia scritta da Neil Gaiman ma mai stampata nel nostro paese.

Prima un po' di presentazioni. Dalla quarta di copertina:
Addentratevi in Batman: Arkham, una collana dedicata alla migliore galleria di criminali del mondo del fumetto. In onore del manicomio che accoglie questi prigionieri, Batman: Arkham ripercorre in ogni volume la storia di un nemico di Batman, dalla sua prima apparizione fino alle più recenti, analizzando così la sua evoluzione attraverso i decenni.

Ed arriviamo alla storia di Gaiman:

Tratta da Secret Origins Special #1 (Two short stories: Original Sins Mike Hoffman; When is a Door Bernie Mireault [DC]) datato giugno '89.
Quando è una porta è una breve storia che parla delle origini dell’Enigmista. La sinossi è semplice ed efficace. Una troupe televisiva si introduce in un vecchio magazzino per intervistare il supercriminale e scoprire perché è l'enigmista. Punto.
Ma questo è lo spettacolo dell'uomo dal punto interrogativo. Nelle dieci pagine di storia questo omino vestito di verde, con la sola arma del suo linguaggio, si fa inseguire, ci depista, ci semina per le vie tortuose della sua dialettica. Ad ogni domanda fattagli risponde con un enigma sconclusionato, ad ogni sua affermazione un nuovo dubbio.
Il suo è un monologo allucinante in cui qualcosa di vero c'è o, forse, trovando la chiave del mistero, ci accorgeremmo che le verità sono più degli inganni.
Come nelle miglior tradizione dell'autore inglese la storia, ad una prima lettura semplice, non fa che ripiegarsi su se stessa, ci da mille e più spunti di riflessione e si presta ad essere sezionata per far trasparire sotto ad ogni livello di letture un nuovo strato che ancora non avevamo valutato.
Tutto scorre velocemente. Noi assistiamo abbagliati dallo show del criminale. Cala il sipario e noi ci ritroviamo con più dubbi di prima. E' una fregatura! urliamo. Poi ammutoliamo, riflettendo su una delle ultime battute: C'è da sorprendersi se sono enigmatico?. Un sorriso ci si stampa in faccia, un sorriso di soddisfazione. E a quel punto l'enigma è risolto.

Il volume in se è decisamente pregevole sia dal punto di vista del contenuto che del confezionamento. Le storie sono qualitativamente sopra la media, con le firme di alcuni grandi autori come Milligan o Wagner.
L'albo è un elegante cartonato, con carta patinata ed un'ottima rilegatura. Il prezzo conveniente per il prodotto in questione.

In conclusione, però, e questo è un’argomentazione che è già emersa in altre recensioni ed articoli, questo si presenta come un ottimo prodotto per appassionati di Batman e, forse, del fumetto più in generale. Ma resta uno spreco per chi lo acquistasse per le sole dieci pagine scritte da Gaiman.

La scelta a voi.

Lo Staff ringrazia StudioPazzia, ancora una volta autore di una recensione appassionata e puntuale

I commenti degli utenti di neilgaimania

sandmanbianco28-06-2008 alle 15:56

StudioPazzia ha proprio ragione, anche io ho appena terminato di leggere il volumetto in questione, e chi lo acquista con la speranza di ritrovare i fasti di Sandman.. beh allora è meglio che si conservi i soldini... Consigliato solo per veri NeilGaimaniaci... P.S. La storia di Gaiman non è la più bella...

Daken21-06-2009 alle 18:16

Recentemente la storia è stata ristampata nel volume cartonato"Batman:La Leggenda Vol.44"insieme alla seconda parte di Ghotam incantata e l'intera miniserie"Dark City,Dark Knight".la bellezza della storia in questione e legata al tentativo di ricucire la continuity dei personaggi batmaniani(cosa probabilmente comprensibile solo ai fan)infatti tra un enigma e l'altro vengono fatte innumerevoli citazioni ad esempio il magazzino dove si svolge l'intervista compare alla fine del primo scontro tra bat-girl e humpty dumpty(storia tra laltro poco conosciuta)e l'enigmista nomina vari criminali scomparsi,ch in realtà non sono mai apparsi nei comics,ma solo nei telefilm(come King Tuth).la storia riesce in poce pagine a creare un ponte tra le storie a fumetti e il telefilm e a dare un spiegazione alla svolta dark(pensata da Alan Moore,Frank Miller e Dannis O'Neil)che ha interrotto bruscamente e senza spigazioni lo spirito"cramp"della serie.Forse solo i fan di Bat-man saranno in grado di apprezzare tutte le sfumature della storia,ma è comunque un risultato straordinario.

I dati del fumetto

  • Fumetto

    del 2008

  • Autore del fumetto

    AA.VV.

  • Edizione

  • Volume

    7

  • Il fumetto è stato commentato

    2 volte

  • La recensione è stata letta

    10969 volte

  • Punteggio medio ottenuto

    0

  • Segnala su

    Segnala su delicious Segnala su digg Segnala su furl

Inserisci un commento

  • Messaggio

Vota

  • Capolavoro
  • Da non perdere
  • Buono
  • Così così
  • Non mi è piaciuto

Le recensioni più lette su neilgaimania

Argomenti correlati