Gli articoli su Neil Gaiman su neilgaimania

Gaiman, le Parche e le Erinni

Gaiman, le Parche e le ErinniAvete mai notato che le Parche e le Furie in Sandman sono la stessa entità? E perché mai Gaiman lo avrebbe fatto se nella mitologia greca esse sono tradizionalmente separate? Un simile quesito ci è stato posto qualche settimana fa da un neilgaimaniaco. Non ci siamo sentiti di dare una risposta personalmente al dubbio mitologico, non siamo degli esperti di mitologia e non avevamo alcune intenzione di prendere imbarazzanti cantonate. Per questo, abbiamo deciso di inoltrare la domanda direttamente all'autore inglese.
Eccovi la nostra missiva all'autore inglese nel nostro improbabile inglese:

Dear Neil,
as you probably remember, we manage neilgaimania.it, the most important italian website about your work. An user of the website asked a question that we are unable to reply, so we decided to forward it to you… :)

The question is:

"in the traditional grece mythology, the Fates (or the Parcae) and the Eumedines are different entities. But in your Sandman they overlap. Why did you do that?"

Thank you very much
The staff of www.neilgaimania.it


Inaspettatamente, qualche giorno dopo abbiamo trovato nella nostra inbox una mail il cui mittente era Neil Gaiman! Dopo un momento di panico, abbiamo pensato che fosse una risposta automatica, un errore, uno spammer travestito da Neil, uno scherzo di qualche amico tecnologico... Fa una certa impressione vedere un cotanto mittente nella propria casella di posta elettronica! Anche perché Neil Gaiman riceve migliaia di email ogni giorno ed, ovviamente, sono poche quelle a cui risponde direttamente.

L'email di Neil Gaiman ricevuta da Neilgaimania

Passato il panico, abbiamo appurato l'autenticità della risposta e visualizzato il suo contenuto. La sua risposta è stata molto breve e di difficile interpretazione.

That's just a start of where they overlap in Sandman. They're the Graces as well, and the primary Muses...

Gaiman sembra suggerire che Parche ed Eumenidi in effetti cominciano a sovrapporsi in Sandman. Ma il riferimento successivo è piuttosto oscuro a chi, come noi, è piuttosto ignorante della mitologia greca e romana. Ci aiutate a comprendere il senso della risposta dell'autore inglese?

Ipotizziamo che le Grazie possano coincidere con le Parche e le Erinni, sia perché in alcune accezioni sono 3 come loro, sia perché sarebbero deputate alla gestione di misteri occulti come riscontrabile nella seguente frase:

at Athens, before the entrance to the Acropolis, the Graces are three in number; by their side are celebrated mysteries which must not be divulged to the many. (Da http://en.wikipedia.org/wiki/Charites)

Qualcosa del genere è possibile dire anche per le Muse primordiali, che farebbero parte di un gruppo di divinità nate all'origine dell'universo e da cui le altre divinità discendono. In questo caso però è più oscura la somiglianza con le altre entità citate.

Siamo sicuri che con le conoscenze della nostra comunità saremo in grado di svelare il mistero.

Grazie a tutti

I commenti degli utenti di neilgaimania

dunstan20-06-2010 alle 16:09

Le Parche (in latino Parcae), nella mitologia romana, sono il corrispettivo delle Moire greche.

In origine si trattava di una divinità singola, Parca, dea tutelare della nascita. Successivamente le furono aggiunte Nona e Decima, che presiedevano agli ultimi mesi di gravidanza.

Figlie di Zeus e Temi, la Giustizia. Esse stabilivano il destino degli uomini. In arte e in poesia erano raffigurate come vecchie tessitrici scorbutiche o come oscure fanciulle.

In un secondo momento furono assimilate alle Moire (Cloto, Lachesi ed Atropo) e divennero le divinità che presiedono al destino dell'uomo. La prima filava il tessuto della vita (dovrebbe essere quella bionda), la seconda dispensava i destini, assegnandone una ad ogni individuo stabilendone anche la durata (quella grassa), e la terza, l'inesorabile, tagliava il filo della vita al momento (la vecchia) stabilito. Le loro decisioni erano immutabili, neppure gli dei potevano cambiarle.

Venivano chiamate anche Fatae, ovvero coloro che presiedono al Fato (dal latino Fatum ovvero "destino").

questo l'ho trovato su Wiki spero che in qualche modo sia d'aiuto!

StudioPazzia20-06-2010 alle 18:41

A me è sempre sembrato che, l'idea di Gaiman, sia di una divinità femminile trina. Un'idea sottostante a molte altre triadi che solitamente vengono percepite come indipendenti le une dalle altre.

Oltre agli esempi già citati, sempre in Sandman, c'è la trina evocata da Tessaly ne il gioco della vita. Ma la femminilità trina compare anche in American Gods facente parte della tradizione rumena (?) e nelle tre vecchie a guardia del sacro frassino (tradizione scandinava).
Insomma è un concetto che sembra ritovare un po' in tutte le culture.

Insomma ho sempre avuto l'idea che, per Gaiman, ci fosse un'unica forza primordiale femminile e trine che è stata interpretata solo secondo sigoli aspetti, quindi ci sono le 3 muse, le tre parche, le furie....

juakino9523-06-2010 alle 20:40

Nei primi numeri Gaiman denomina la triade con il nome di Ecate.
Ecate, una e trina, è stata forse plasmata da Gaiman nel suo universo onirico come insieme di tutte le triadi della mitologia classica e norrena (le Norne, l' equivalente nordico delle parche, o Moire) spiegando perchè in realtà Ecate venga definita una e trina, un appellativo che Gaiman è sicuramente convinto andasse oltre
le tre facce del "la dea nutrice di pargoli" (come definita in Esiodo, teogonia)

I dati dell'articolo

  • Articolo

    del 20-06-2010

  • Autore dell'articolo

    Devil & Irek

  • L'articolo è stato commentato

    3 volte

  • L'articolo è stato letto

    9331 volte

  • Segnala su

    Segnala su delicious Segnala su digg Segnala su furl

Inserisci un commento

  • Messaggio

Gli articoli più letti su neilgaimania

Argomenti correlati