Gli articoli su Neil Gaiman su neilgaimania

La rubrica di Elisa: Death

La rubrica di Elisa: DeathEccoci qui di nuovo!
Ora la porta che da sul mondo di Neil Gaiman si è aperta e, come impone la raffinata e romantica cavalleria, prego, “prima le signore! “

Per chi ancora pensa che la morte sia una scheletrica megera con il volto di teschio e spietata falciatrice di vite, non ha ancora conosciuto la poetica di Neil Gaiman nella quale la più rinomata mietitrice diviene una “graziosa signorina“ con le vesti di una dark lady con tratti faraonici e dall’animo buono compassionevole e in perenne stupore di fronte alla bellezza della vita.

Ed ecco che vi presento il mio tributo a quest’opera!

DEATH TELA:
Partiamo innanzitutto dal supporto artistico: qui si tratta di una tela sulla quale ho usato le tempere con aggiunte di particolari in acrilico.
Il fondo scuro va ad abbracciare la figura inghiottendole la chioma cotonata tipica del personaggio.
Sul volto pallido spicca il chiarore rosato delle guance applicato per velature (ovvero usando il colore molto liquido su quello già asciugato) al fine di mettere in evidenza il calore e la genuinità di Didì.
Le ombre sul viso sono violacee e acquose mentre quelle lungo il collo più intense per creare distacco e profondità ed ancora quelle presenti sulle spalle si contaminano liberamente tra di loro fondendosi maggiormente con la maglia e lo sfondo creando un effetto approssimato.
Una lunga striscia rossa colore che rappresenta nel linguaggio cromatico la vita così come anche la morte attraversa un lato dell’opera a simboleggiare con la sua doppia valenza il contrasto e la relazione tra questi due concetti.
La luce che cade verso il personaggio in una rappresentazione circolare è stata creata con la foglia d’oro e simboleggia la vita che viene assorbita dal simbolico personaggio della morte.
Inoltre come avrete ben notato mi sono concessa una piccola “licenza artistica“ cambiando il colore degli occhi e delle labbra al fine di dar più contrasti al quadro!
Rimangono presenti il tipico ricciolo sotto l’occhio e l’Ankh .

Death tela di Elisa Urbinati


DEATH CHINA:
Il secondo lavoro è eseguito su carta normale con pennino a china e ripropone il personaggio in una chiave più stilizzata e ironica facendo riferimento ad un adattamento per l’infanzia o la favolistica in generale con tratti semplici d’impatto immediato eseguito attraverso una texture che si espande o si comprime a seconda delle esigenze di chiari e scuri sulla superficie in questione lasciando libero sfogo alla creatività manualistica.

Death china di Elisa Urbinati

I commenti degli utenti di neilgaimania

Irek24-08-2009 alle 07:34

Per gusto personale, in genere, preferisco i disegni a china, ma quando ho visto la Death su tela sono rimasta senza parole...entrambe le opere mi hanno conquistata. I miei più sinceri complimenti...e dopo aver visto Death in tutte le salse non era facile riproporla in un modo così personale e apprezzabile come hai fatto, brava!

Devil25-08-2009 alle 00:01

Complimenti, è il tuo lavoro che preferisco di più... sarà Death è uno dei personaggi più carismatici, ma sono rimasto molto colpito dalle tue interpretazioni!

Brava

lady of owls29-08-2009 alle 19:37

merci beaucoup !

I dati dell'articolo

  • Articolo

    del 23-08-2009

  • Autore dell'articolo

    lady of owls

  • L'articolo è stato commentato

    3 volte

  • L'articolo è stato letto

    5162 volte

  • Segnala su

    Segnala su delicious Segnala su digg Segnala su furl

Inserisci un commento

  • Messaggio

Gli articoli più letti su neilgaimania